E LA CHIAMANO ESTATE

E LA CHIAMANO ESTATEDi tanto in tanto, date le magre finanze, faccio un giro in fumetteria per acquistare qualcosa che mi colpisca positivamente. Leggo poche recensioni e non frequento i grandi festival del fumetto, ma sono più che appassionato dell’arte sequenziale. Perciò, se mi prendo la briga di scrivere di un fumetto, è perché mi ha veramente lasciato qualcosa.

E la chiamano estate (ruffianeggiante traduzione italiana del titolo originale This One Summer – qui il “book trailer” animato) è uno di questi casi. Divorato in un paio d’ore di tranquillità, va lasciato riposare per rileggerlo con più calma, apprezzando meglio alcune sfumature alla luce delle rivelazioni finali.

Intendiamoci subito, non è uno di quei graphic novel dove succede di tutto e dove ci sono mille cose da spoilerare. Jillian e Mariko Tamaki (due cugine canadesi) hanno sviluppato in 320 pagine di tavole in “bianco e blu” una piccola epica dell’adolescenza femminile, in cui la vita di due amiche in una località di villeggiatura procede in modo indolente tra una bibita e una chiacchiera, tra un gioco sulla spiaggia e una passeggiata serale, nell’ansia (ma non troppa) di diventare grandi noleggiando film horror da guardare sotto le coperte o spiando i ragazzi e le ragazze più grandi mentre parlano di sesso.

Quando ho preso in mano il volume di Bao Publishing (18 euro), per prima cosa l’ho sfogliato velocemente. “Bianco e blu” (in realtà quasi più violetto) mi ha fatto pensare a qualcosa di struggente, un ricordo indefinito. Poi ho visto i blurb sul retro con raccomandazioni di Craig Thompson, Daniel Handler e Vera Brosgol – hanno funzionato. Data l’origine canadese, poi, pensavo si potesse trattare di qualcosa di simile a Brian Lee O’Malley: diciamo subito di no, non c’entra nulla con Scott Pilgrim Vs. The World, per quanto Alla deriva avesse una simile tematica adolescenziale.

(altro…)

Approfondisci

5 COSE CHE DIMORANO NEI COMODINI

5 COSE CHE DIMORANO NEI COMODINIHo letto da qualche parte che il buon content manager eccelle in post a lista, del tipo “le dieci cose che”, “le cinque volte che”, “i sette indizi che”. Ora, non per vantarmi ma io i post a lista li facevo nel 2002. Poi non so, mi è sembrato che fossero una cosa scema da fare quando non avevi voglia di scrivere nulla di più articolato. E invece.

Viene fuori che i post a lista sono tra le cose più lette dell’Internet perché in un flash danno al lettore medio che ha quei tre o quattro minuti durante la sua evacuazione quotidiana la possibilità di leggere qualcosa di curioso. Ecco, sì, le liste devono essere liste curiose. Ripenso a quante liste curiose ho scritto, in preda ad un’inutile ansia classificatoria. In alcuni casi ero arrivato a 20, 25 item. Roba che nemmeno Rolling Stone.

Ora ci riprovo, col preciso intento di essere a) virale, b) sintetico, c) non classificatorio.

Perciò eccovi la lista – rigorosamente in ordine sparso – delle cinque cose che dimorano nel mio comodino da notte, nella malcelata speranza che voi, leggendo questo post, vi sentiate spinti a dirmi quali sono le vostre cinque cose più strane che tenete nel comodino. Se vi state chiedendo perché il comodino, la risposta è molto semplice. Il comodino da notte è la versione adulta del junk drawer tipico di ogni preadolescente, quel cassetto segreto in cui c’è di tutto alla rinfusa, e in cui ogni pezzo di spazzatura è un tesoro inestimabile. Allora, si parte. Anzi no, fermi un attimo. Ho appena guardato nel mio comodino e ho realizzato che devo barare. Non saranno cinque cose ma cinque categorie di cose.

Così riesco praticamente a infilarci dentro tutto.
(altro…)

Approfondisci

IL BLUES DELLA MATERNA

IL BLUES DELLA MATERNACome siamo arrivati a questo punto? Non lo so. I mesi passano: la Creatura, che già sei mesi fa correva con le forbici in mano, oggi parla correttamente tre lingue (italiano, inglese e hindi), si incazza se il suo hamburger non è a cottura media, sceglie con estrema concentrazione i video da guardare su YouTube (per l’appunto, in italiano, inglese o hindi), sa contare fino a sei senza che nessuno glielo abbia insegnato e insomma fa tutte quelle cose che ci inducono a pensare che una legione di demoni guidi le sue azioni. Tradotto in termini meno coloriti, ha il suo bel caratterino e non ha la minima intenzione di smussarlo per venire incontro a noi.

Detto ciò, le giornate passano veloci come il paesaggio fuori dal finestrino di un Frecciarossa e pesanti come le borse del mercato dopo due settimane che non fai la spesa. Alzati, docciati, sveglialo, litiga per la colazione, litiga per vestirlo, scaraventati giù in strada, macchina, seggiolino, nido, a lavorare. Poi esci, prendilo, litiga per tornare a casa, inseguilo per la strada, fallo giocare ai giardinetti se non si gela, immobilizzalo sul passeggino, prepara cena, litiga per farlo mangiare, un po’ di cartoni, pigiama, denti, libro, altro libro, ancora libro, spegnere luce, nanna, litiga per farlo dormire, addormentati anche tu con lui.

Ora però entra in scena un nuovo spauracchio: la scuola materna. Tutti i genitori che hanno i figli tra i due e i tre anni non parlano d’altro: bisogna scegliere la scuola materna. E bisogna sceglierla con criterio. Si apre un mondo nuovo: si parla di mense, di moduli di iscrizione, di borsellini elettronici, di circoscrizioni, di open day (poi mi dite dove cazzo trovate il tempo di andare agli open day che li fanno sempre in orario di lavoro), di graduatorie, di preferenze, di aree verdi, di maestre competenti e/o incompetenti, di POF, di econome (figure mitiche che credo esistano solo in questo ambito lavorativo) di rappresentanti di classe, di gruppi whatsapp di genitori, di psicomotricità. E a me viene l’orticaria.

(altro…)

Approfondisci