ZAPPA MA SENZA LA SUA VOCE

Su Prime Video c’è Zappa, il documentario di Alex Winter sul genio musicale di Frank Zappa. È un bellissimo documentario, se non fosse che purtroppo, su Prime, è visibile solo doppiato in italiano, con quel vezzo tipico dei documentari di mettere la voce italiana abbassando di tanticchia la voce originale del personaggio che parla.

A parte questo, la vita di Frank Zappa, dall’infanzia fino alla morte prematura a 52 anni, è sviscerata grazie a migliaia di ore di filmati dall’archivio Zappa (aveva un seminterrato pieno zeppo di faldoni, registrazioni, pellicole, e non a caso ha pubblicato più album postumi che in vita – e in vita ne ha comunque pubblicati 42).

Si sente poca musica, in Zappa, purtroppo. Tutto è più focalizzato sul carattere del musicista – un carattere ovviamente molto difficile, data la ben nota tendenza allo stakanovismo e a considerare i membri delle sue band come componenti “usa e getta”. Persino i figli (Moon, Dweezil, Ahmet e Diva) devono lottare per avere la sua attenzione.

Grande spazio viene dato allo Zappa “classico” e al suo lavoro con le orchestre e allo Zappa “politico” che testimonia in congresso sul problema dei testi della musica rock e pop e che viene nominato da Vaclav Havel ambasciatore della cultura cèca in America (questa proprio non la sapevo).

Ottimo, ma dovrò scaricarlo in originale per sentire la vera voce di Frank…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.