MERENDA SINOIRA PER STEFI

Come sa chiunque ha fatto una dieta (anche senza agopuntura) è molto facile riprendere i chili persi. Specialmente a fronte di un weekend in un agriturismo di montagna e di una serata di compleanno (quello di Stefi, ieri). La serata è stata accompagnata da incredibili temporali elettrici e un discreto abbassamento della temperatura. Ottimo per noi che eravamo vestiti da "estate a Marrakech" e che avevamo lasciato a casa anche il più piccolo ombrello. La merenda sinoira è una tradizione molto radicata qui in Piemonte. Si va nei prati e si comincia a mangiare all’incirca alle 18.00 per concludere alle 21.00, quando è ancora chiaro. Se lo fai in agriturismo rischi un menu di delizie tipo salame e fichi, zucchini e mele grigliate con salsa di nocciole, fiori di zucchino ripieni di carne, frittata di zucchini (sta a vedere che avevano un po’ di zucchini da smaltire) con maionese al sapore di olive e un meraviglioso zuccotto alla panna e frutta fresca. In tutto, 2 kg (l’aumento di peso da un giorno all’altro, intendo). Il senso della merenda sinoira era: avere il tempo di recarsi a vedere lo spettacolo di Raoul Cremona (uno dei cabarettisti che io e Stefi apprezziamo di più)… Anche quello in piazza, a Chivasso, con pioggerellina insistente, freddo e possibilità di annullamento. Poi "Silvano, il mago di Milano" fa il suo miracolo e ferma la pioggia… BRAAAVISSSSIMO! :-D

Comments Closed

2 risposte a “MERENDA SINOIRA PER STEFI”

  1. UHM… che fame mi fai venire.
    Non preoccuparti di solito i kili acquistati da un giorno all’altro si perdono facilmente ^_^

I commenti sono chiusi.