Comments Closed

6 risposte a “HAIKU #001”

  1. … quali caratteristiche deve rispettare per essere un Haiku ?

    l’haiku ha metrica ?

    se non sbaglio deve soddisfare 3 requisiti di “ambiente” diverso per ogni riga, (uno spirituale, uno di paesaggio, l’altro di…. non ricordo) è così o qsa di simile ?

  2. a dire il vero mi è un po’ uscito così…! :-D di sicuro so che non ha metrica. Teoricamente mi pare che i versi debbano essere 5-5-7 come numero indicativo di sillabe (in giapu, però…) e in tutto l’haiku ci sia almeno una parola che indichi “la stagione” cui l’haiku è dedicato. Però potrebbe essere divertente scrivere haiku sull’inquinamento acustico… secondo la sensibilità. Vedremo se me ne vengono in mente altri. P.

  3. http://en.wikipedia.org/wiki/Haiku
    oppure http://www.ahapoetry.com/haiku.htm
    In genere l’haiku occidentale segue semplicemente il principio del KIGO o del MU KIKO (stagionale o “senza stagione”). Le stagioni sono HARU, NATSU, AKI e FUYU (primavera estate autunno inverno). La questione del 5-7-5 sillabe…. mah, secondo me l’importante è che “suoni bene” e dia la sensazione giusta. Non pensavo ci fosse tanto interesse intorno agli Haiku! Anche Jack Kerouac ne ha scritti diversi in inglese se non sbaglio…

I commenti sono chiusi.