SOCIAL MEDIA WEEP

In questi giorni a Torino c’è la Social Media Week. Un’occasione unica per riflettere sui mezzi partecipativi di comunicazione on line e sul loro utilizzo potenziale nelle imprese, nella scuola, nella Pubblica Amministrazione. Io lavoro a un tiro di schioppo ma non mi è consentito assentarmi dall’ufficio per seguire i panel (nonostante, tra parentesi, in ufficio ci sia in ballo un grosso progetto “social” che avrebbe tutto a che fare con la SMW). Poco male, perlomeno posso collegarmi in streaming.

Il punto è che ormai, a parte dare i numeri, non c’è nulla di nuovo da dire sui social media, fanno parte della vita come le macchinette del caffè o le caraffe che depurano l’acqua. Voglio dire, sono immersi nel quotidiano e percepiti come una situazione interattiva (o di espressione personale) assolutamente naturale. Vero è che molte delle persone / imprenditori / funzionari / insegnanti che li usano avrebbero bisogno di un po’ di alfabetizzazione in più.

Ma anche i professionisti della rete più scafati (come il sottoscritto, hahaha) a volte si trovano in un pantano senza speranza. Tutto questo parlare di social media negli ultimi giorni mi ha fatto pensare. Da quanto tempo sono immerso in questo mondo cosiddetto 2.0, read-write, partecipativo? Mmm… più o meno dal 2003, quindi 9 anni. A quando risale la mia prima iscrizione a un social media? ClaimID mi aiuta a ragionare: l’anno è il 2005, il servizio è Flickr, seguito a ruota da LinkedIn.

Se penso che in 7 anni ho provato tra i 25 e i 30 social media, mi viene immediatamente il terrore del detrito. Se poi sul lavoro si predica bene (policy di utilizzo dei social media, analisi della web reputation) e nella rete si razzola male, il livello di disagio si alza ulteriormente. Oggi quindi ho pensato di togliere un po’ di polvere e scatoloni vuoti dalla mia casa virtuale. Vi ricordate di Pownce, Jaiku, Ning, Orkut, Songza, Dipity, solo per fare qualche nome? Ecco, se li avete dimenticati forse è anche meglio. Io c’ero, e vi assicuro che non è facile spazzar via i detriti sotto un tappeto.

E se adesso sono comunque iscritto ad almeno 20 social media, quelli che uso quotidianamente si contano sulle dita di una mano. Senza contare che da più di un anno non lascio – per un motivo o per l’altro – quasi nessuno spazio alla riflessione che può consentire un post un po’ più lungo su un blog. Ma blog è una parola obsoleta, se la dici oggi ti guardano anche un po’ male. A dire blog ti senti vecchio, e forse è così. D’altra parte ormai sono circa 3 anni che non mi iscrivo a nulla. Ho smesso prima di Foursquare. Ho dribblato con classe Pinterest. Ho accolto Instagram perché è la più grande idea fotografica dopo l’autofocus.

Ma per il resto, sono a posto così, non mi lamento.
La mia reputazione è sempre stata ambigua, anche offline, e mi è sempre stato bene così.
Anche se per me, questa Social Media Week sta diventando più che altro Weep.

 

 

Comments Closed

Una risposta a “SOCIAL MEDIA WEEP”

  1. Pietro onestamente quella settimana e’ stata ” penosa” .. Quando ho sentito poste italiane dire che erano diventati “social” perché ora mandavano gli sms ai loro clienti per dire dove stavano i loro pacchi.. Beh, sono tornata in ufficio e ho fatto tornare anche i ragazzi che lavorano con me in ufficio: tempo sprecatissimo.

I commenti sono chiusi.