OH CATALUNYA!

Siamo ancora interi. Dopo una vacanza quasi del tutto perfetta, in cui abbiamo viaggiato, camminato, visitato, svaccato e quant’altro, siamo tornati e non è ancora successo niente! Voglio dire, a parte la normalità del fatto che domattina si torna a lavoro. Ma voglio dirvi della Catalunya. Di Barcellona. Presto (appena avrò smistato le foto migliori) potrete avere il lato visuale. Per il momento mi limito a dare qualche interessante highlight. Tipo: il Teatre-Museu Dalì di Figueres, la città vecchia di Girona, i villaggi di Cadaquès e Besalù, e naturalmente tutti i quartieri di Barcellona, da percorrere a piedi, in bus, in metro… basta vagare a naso in su per esaltarsi tre volte al minuto. Ho sempre detto che con Praga e Londra, Barcellona sarebbe una delle capitali europee dove mi trasferirei. L’impressione positiva era stata finora incrinata dal fatto che nel 2000 ho subito un furto abbastanza pesante sulle Rambles. Questa volta ci ho fatto attenzione, e il massimo che ci è capitato è stato di restare chiusi per un’ora nell’ascensore bloccato tra il secondo e il terzo piano della palazzina dove avevamo l’appartamento. Di notte. Senza nessuno nel palazzo. Senza cellulare. C’era un bottone con l’icona di un telefono. L’ho premuto e ha risposto una gracchiante voce in catalano cui abbiamo risposto urlando: "Estamos bloccados! L’ascensor è bloccado! No hablamos català! Espanol solo un poquito! Ajuta!". Devo dire che sono orgoglioso di come abbiamo gestito la situazione. Verso mezzanotte, l’omino dell’ascensore è arrivato e ci ha trovati accasciati sul pavimento con le "formiche" alle gambe per la circolazione bloccata, ma sorridenti e calmi. L’appartamento poi era splendido, in una zona tipo ghetto assolutamente insospettabile (della serie, se la via è in queste condizioni stile fogna a cielo aperto chissà com’è il piso che ci danno) – e invece no! Il piso era arredato di fresco, con gusto, spazioso, e la padrona di casa simpatica ed efficientissima oltre che gran gnocca. Se può interessare, l’appartamento l’abbiamo prenotato grazie all’ottimo sito Oh-Barcelona cui non mi vergogno di fare ampia pubblicità. E poi, beh… a 35 anni suonati si può anche evitare come la peste il passeggio sulla Rambla senza rischiare di non divertirsi. I miei suggerimenti sono la "Ruta del modernisme", tutto Gaudì (va da sé), una visita al monastero di Montserrat (dove un momento mi commuovo per l’atmosfera da pellegrinaggio religioso e il momento dopo sbavo sulle curve delle giovani pellegrine – lo so, sono irrecuperabile), il Born (praticamente il quartiere dove stavamo di casa, fighissimo), il Montjuic preso da Placa de Espanya con le sue fontane magiche ultrakitsch che però ti prendono a mille spruzzando potenti getti d’acqua sulle note di musiche sparate ad altissimo volume (tra cui – lacrimuccia – anche il tema di Titanic)! Ho speso come sempre una mezza fortuna in souvenir… Che per me vuol dire sostanzialmente libri, DVD, magneti per il frigorifero e tazze per il tè. Lo so. Sono maniaco. Sono fatto così…!

Tag: ,

Comments Closed

8 risposte a “OH CATALUNYA!”

  1. hola guapetones! bentornati! Barcellona è sempre bella e non vedo l’ora di ritornarci. baci Pao

  2. Mi unisco al coro di bentornati! Ma la foto della padrona di casa ce l’hai?

    Saluti

    da un maniaco sessuale che ti stima

  3. bentornati!

    ma com’è che finisci sempre bloccato negli ascensori?!?

    noi invece abbiamo finalmente conosciuto i piccoli pieraffini e abbiamo presentato loro Caterina. è stato un interessante scambio culturale :-)

    adesso per stare bene dobbiamo rivedere anche voi. quindi escogita un modo per poterci incontrare.

    ho detto.

    baci

    silvietta

  4. mi siete mancati!

    ma com’è che non mi hai citato il parc güell? il mio preferito!

    r

I commenti sono chiusi.