UNA STORIA PORNO

La notizia del giorno (per gli Internet geek e i social media cosi) è che Tumblr viene acquistato da Automattic (la società dietro WordPress, cioè). C’è da dire che ci si può vedere una sorta di giustizia poetica: Tumblr, il mitico Tumblr, il social che ha inventato la parola “microblogging”, che nel lontanissimo 2007 sembrava la più grande novità del momento, almeno per noi che bloggavamo duro da almeno cinque anni, torna finalmente nelle mani di un soggetto che ha a cuore la creazione di contenuti.

Tumblr ha avuto una storia molto particolare, prima di tutto a livello aziendale: acquistato da Yahoo! nel 2013 per più di un miliardo di dollari, si è visto ben presto che fine ha fatto. Nel 2017 infatti Verizon ha comprato sia Yahoo! che Tumblr che Flickr (in buona sostanza non sapendo cosa farsene) e li ha lasciati a sé stessi tarpandogli le ali in maniera devastante. In pochi anni Tumblr ha perso il 30% del suo traffico, ma attenzione: almeno in USA rimane sempre uno dei siti più frequentati, tipo al 49° posto nella classifica di Alexa, dopo Spotify ma prima di Paypal. Cioè, un risultato di tutto rispetto.

Come è stato possibile rendere uno dei siti (delle comunità on line) più attivi dell’Internet una pallida imitazione di sé stesso, tanto che Automattic l’ha acquistato per una piccolissima frazione del suo valore (3 milioni di dollari, roba che ci compri un appartamento a San Francisco)? Semplice: andando contro una delle regole fondative di Internet stesso. Internet is for porn. Questo lo sanno tutti. Al massimo oltre al porno possiamo ammettere i gattini. Tumblr è sempre stata una comunità anarchica, aperta alle frange più estreme di creativi, appassionati anche di robe un po’ – in alcuni casi molto – NSFW (Not Safe For Work).

Sul discorso del Not Safe From Work, Pornhub ci aveva fatto più di un pensiero questa primavera. Immaginatevi una realtà alternativa in cui è Pornhub e non Automattic il proprietario di Tumblr. Via libera alla pornografia , al queer, alle fanart esplicite, a tutte le categorie di post “pop porno”, alla curatela di feticismi vari, e forse un po’ addio al microblogging non porno, che sarebbe stato tollerato ma non incoraggiato. Insomma, Tumblr con una pletora di pubblicità “Enlarge Your Penis” e “Scopa con ragazze brutte vicino a casa tua” ad ogni pagina visitata.

Automattic dichiara di voler mantenere il ban sui contenuti NSFW voluto da Verizon: male, molto male, secondo me. Perché quel ban è quello che ha affossato Tumblr che – intendiamoci – non è e non ha mai voluto essere un Pornhub basato su UGC, ma comunque negli anni ha basato gran parte della sua popolarità sui contenuti sessualmente espliciti vietati in qualsiasi altro social. C’è persino il neologismo Tumblr Girl, a indicare le tipe un po’ hipster con gli occhialoni a montatura spessa che si fanno i selfie e curano il loro profilo ossessivamente (diverse dalle influencer di Instagram, nota bene: in che modo adesso non sto ad approfondire, ma diverse).

Tutto questo discutere su Tumblr, perché… un po’ per nostalgia della diversità che fu nell’età dell’oro del Web 2.0, un po’ perché come è stato per Flickr l’anno scorso spiace vedere i primi amori social cadere così in basso. In fondo OK, capisco il problema di essere bannati come app dal Play Store o dall’App Store, ma forse ci voleva veramente uno sforzo congiunto di Automattic e Pornhub, con una differenziazione tra due tipi di profilo (SFW e NSFW) e ognuno sceglieva quello che voleva.

In fondo Tumblr non è mai stato 8chan, no? Vabbè, ingenuo io.
Resta sempre DeviantArt.

Commenti da Facebook:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.