ECCO LE MIE DIMISSIONI

A mente lucida. Più o meno. Pare proprio che abbia vinto. Anche se di comunicazioni ufficiali non ce ne sono ancora state. Sarebbe la prima volta che vinco qualcosa. Mai, nemmeno una lotteria di beneficienza. Forse ho vinto un album di figurine completo di Lady Oscar con un concorso alla Figurine Panini da piccolo. Ma è tutto ciò che ricordo. E adesso… non mi resta che attendere che qualcuno mi chiami a "prendere servizio". Vorrei anche capire in cosa consiste secondo loro il lavoro di "esperto web" e quale retribuzione pensavano di offrire. Ma tutto sommato non ci sono dubbi. Qui dove sono adesso l’ambiente è una fogna. E come il giovane Antoine Doinel meditava la sua rivincita sui professori ("Che gusto!") io pregusto il momento in cui portò dire "ecco le mie dimissioni"… Per adesso, però, solo freddo, vuoto e un gran mal di testa.

REVOLUTIONS, E MATRIX SI DISPERDE

Tutto sommato è almeno un po’ meglio del secondo. E’ più una questione di coerenza narrativa al di là del citazionismo che impregna sia il secondo che il terzo Matrix (Alien, ma anche le space opera alla Star Trek con il consiglio galattico e le riunioni di scazzo tra i vari generali, roba presa per il culo perfino da Lilo e Stitch). Il secondo film si perdeva in troppi combattimenti di kung fu, troppo casino, troppo poche spiegazioni per i non possessori di PS2 e di Enter the Matrix (la storia di Niobe, i lati oscuri dell’oracolo e il motivo per cui l’oracolo cambia aspetto vengono spiegati meglio solo nel videogame). Così Matrix diventa un puzzle narrativo e commerciale che non capisci fino in fondo se non guardi tutto e se non giochi tutto. Invece il terzo film è più compatto, sviluppa due linee banali finché si vuole ma potenti e comprensibili, di scontata simbologia ma visivamente molto ben rappresentate. Il mega dio delle macchine… non vi sembrava un po’ il Master Control Program di Tron? ;-))) La bambina indiana…. devo ancora capire la sua funzione, se qualcuno me la spiega… Cioè, come Neo è l’eletto degli umani lei è l’eletta del mondo dei programmi? Il
combattimento con Smith, poi, sarà anche tirato per le lunghe ma è visivamente eccezionale. Come dicono gli americani è "cinematic". Logico che se pensano di dover superare ogni volta sé stessi, li sparino in volo appena possibile. Meglio qui che non la scena di Reloaded in cui Link diceva "sta facendo Superman".
Le scene di guerra a Zion mi sono sembrate bellissime – hanno superato nel mio immaginario S/F quelle finora insuperate di Starship Troopers… Tutto sommato Matrix nasce innovativo (ma poi è da discutere) per finire molto sul tradizionale. A me comunque sia la fine di Neo mi ha emozionato, questo suo essere portato nell’Asgaard delle macchine, con queste luci dorate che sono così "nuove e intruse" nel verde di Matrix. Ecco, se devo dire l’inquadratura che mi ha colpito di più, è quando Neo dice a Trinity "punta verso il cielo" e la nave fa un guizzo oltre le nubi nere.
Quello è stato un bel guizzo di cinema.