LA PASSIONE SECONDO MIA MADRE

M – Ciao, come stai? Stai bene?… Sempre in ufficio, eh?
P – No, Ma’… veramente ero a un corso…
M – Ah, ecco… di inglese?
P – No, di comunicazione.
M – Ah… che comunicazione?
P – La comunicazione all’interno del gruppo di lavoro, sai… I processi e le dinamiche di gruppo…
M – Aaah, mi capisu niènt ‘d cule robe, lo sai…
P – Eh, vabbè… comunque interessante, sono solo un po’ stanco.
M – Ma adesso mangi?
P – Sì sì, mangio… mangio non ti preoccupare!
M – Volevo dirti che sono poi andata a vedere La Passione di Cristo, neh?
P – Mmmmhh… e ti è piaciuto?
M – Ma sai, tuo padre come al solito mi ci voleva portare, poi è andato da solo. Io non lo volevo vedere…
P – Ma infatti secondo me…
M – …poi è tornato, me ne ha parlato e mi ha convinto. Allora siamo andati insieme…
P – Ah, cioè in pratica lui lo ha visto due volte?
M – Sì sì, ma a lui è piaciuto comunque molto.
P – Non avevo dubbi…
M – Comunque sai, è tutto in aramaico… pensa che tua madre non ha avuto nemmeno difficoltà a leggere i sottotitoli, che di solito mi aumentano la cervicale…!
P – Ma pensa…
M – Tuo zio ci fa un figurone incredibile, è praticamente in scena quasi per tutto il film…
P – Ma chi, Hanna il sacerdote? E che ci fa in scena tutto il tempo?
M – Non lo so, ma è sempre bravo…
P – Ma sì, bravo è bravo… (pubblicità familiare occulta)
M – Comunque don Renzo dice che il messaggio teologico del film è distorto… Pensare che mi era piaciuto così tanto… a parte il sangue, neh, che nost-signur a fa sempre tant pen-a
P – Beh, certo, se don Renzo ha da ridire… Forse era meglio non vederlo… no?
M – No no, cosa credi non sono mica così acritica! E’ che ha detto che il messaggio del film è che chi più soffre più si avvicina a Dio e invece non è così!
P – Ma guarda, io pensavo che fosse proprio questo il senso del cattolicesimo
M – Mah, lui dice che a Dio non serve la nostra sofferenza.
P – Ah, ne ha già che basta?
M – Ma dai, sempre a scherzare su queste cose…
P – Beh… ti lascio che devo mangiare, sono anche da solo stasera… comunque grazie per la lezione di teologia!
M – Ah, ben… mi raccomando mangia poi anche un po’ di verdura!
P – Sì, sì, ciao…
M – Ciao, neh? Venite a trovarci questa settimana?
P – Mmmmhhh… non penso.
M – Lo andate poi a vedere anche voi, la Passione?
P – Non credo. Ma’… c’ho la roba sul fuoco, dai…
M – Va bene… Ciao, neh, bel cit…
P – Cià…

L’INSOSTENIBILE IRRAZIONALITA’ DELLA DONNA

S – Ciao!
P – Ciao, come va?
S – Io bene! Mi hai cercato?
P – Sì, ho fatto squillare un po’ al tuo interno, poi ho provato anche sul cellulare ma come al solito era spento…
S – Ah, ecco… volevi dirmi qualcosa?
P – Ma no, soltanto sentire come va
S – Sei strano.
P – No, scusa, perché io non posso telefonarti per sapere come va? Tu lo fai sempre…
S – E’ successo qualcosa?
P – Ma niente, ma perché deve essere successo qualcosa?
S – Sei strano, hai un tono strano… Non puoi parlare?
P – Ma porca puttana sono in ufficio, logico che non mi posso mica mettere ad urlare…
S – Cosa dici? Parla più forte non ti sento…!
P – HO DETTO CHE SONO IN UFFICIO, MICA MI POSSO METTERE AD URLARE!!!
S – Ah, ecco! Quindi non puoi parlare.
P – Ma sì che posso parlare, soltanto che… ma poi, cazzo, volevo solo sapere come va…!
S – Secondo me c’è qualcosa che non mi vuoi dire.
P – Ma no, che palle…
S – Va bè senti ci vediamo dopo – io adesso vado a fare la spesa.
P – Ascolta, quando arrivi a casa guarda la posta, ti ho mandato una mail.
S – Allora lo vedi che c’è qualcosa?
P – MA CI HO SOLO SCRITTO DUE CAZZATE E UN ‘TI AMO’!
S – Io non ti capisco.
P – Comunque guarda la mail.
S – OK.
P – E ricordati di prendere il caffé, che manca.
S – OK.
P – Ciao.
S – Tu mi preoccupi.
P – …
S – Va be’, ciao.

LE NEVROSI DELLA MAMMA

P – …bene, allora ci sentiamo presto.
A – Aspetta, mi sa che la mamma vuol dirti qualcosa…
P – Ah, OK…
A – Prendi…? No, qui, prendi il cordless [rumori soffocati]
M – Ciao Pietro, come va?
P – Non c’è male, come dicevo a papà stavo qui – fuori piove, ci stavamo guardando un paio di film…
M – Ah, ecco.
P – Sì…
M – Senti, te lo ricordi il fasciatoio di quando eri piccolo? Di quando ti cambiavo il pannolino?
P – Mamma… come faccio a ricordarmelo?
M – Eri troppo piccolo, forse non te lo ricordi… era giallo…
P – …
M – Lo mettevo sul tavolo, poi ti toglievo il pannolino – era sempre pieno, facevi sempre un sacco di cacca…
P – Capisco… me la cavo anche adesso comunque.
M – Allora non c’erano mica i pannolini come adesso, sai? Buttavi il pannolino ma la mutandina si conservava, andava lavata e riutilizzata.
P – Sì, mamma, ma non capisco cosa…
M – Allora io andavo a lavare la mutandina in bagno, e ti lasciavo da solo sul fasciatoio, sul tavolo, in cucina…!
P – E?
M – Beh… potevi cadere!
P – Ma non sono caduto.
M – Ma potevi – e se fossi caduto? Saresti morto, sarei andata in prigione e…
P – Mamma, non sono caduto!
M – Lo so, è che mi sento in colpa – sono stata una madre attenta?
P – Ovviamente sì! E poi non puoi avere anche il senso di colpa retroattivo!
M – Eh, lo so… va bene allora… ci sentiamo poi tra qualche giorno…
P – Va bene —
M – Ciao, ciao… [rumori di tasti] Non si spegne…!
A – Il tasto rosso, premi il tasto rosso!
M – Quale tasto rosso, qui non c’è nessun tas– [linea libera]