PICCOLI GAMERS CRESCONO

È un po’ di mesi che non vi cago il ca vi delizio con qualche perla di saggezza uscita dalle labbra della Creatura. In effetti non v’è dubbio alcuno che egli è – quando decide di parlare e di non limitarsi ad esprimersi a gesti per risparmiare le sue preziose energie vitali – un sorprendente agglomerato di idee da seienne mescolate con profondissime e nietschz niesztz niecch nietzschianissime riflessioni sulla vita, l’universo e tutto quanto.

Il grosso problema è che a sei anni, la Creatura, tendenzialmente apre bocca solo per farti incazzare. Ma furiosamente, eh. In genere perché pretende di passare il 99,9% del tempo di veglia attaccato alternativamente a un device a sua scelta, che ultimamente è – di preferenza – un vecchio cellulare che ha trovato in casa e di cui si è impossessato (fortunatamente senza SIM, con YouTube Kids impostato in modo da non indicizzare i video degli youtuber più molesti e il blocco dello scaricamento di App).

Proprio il blocco dello scaricamento me lo sono ricordato in ritardo, dopo aver notato con un mezzo infarto che aveva scaricato due o tre giochi (“Signore iddio, aiuto, qualcuno mi ha hackerato il cellulare, vedo apparire app da me non scaricate”… e poi era lui che ha il mio stesso account, vabbè). Uno in particolare di questi giochi ha sollevato il mio disappunto e mi ha fatto andare in quella modalità che io odio, quella del genitoresignoramiadoveandremoafinire™. Però il tema un po’ mi è caro. Ed ecco come si è svolto il confronto. (Che per ora ha vinto lui). (Ovviamente).

– Amo, ti devo parlare.
– Mm.
– Ti prego, posa sto cellulare.
– Mm. Aspetta.
– HO. DETTO. POSA. STO. CAZZO. DI…
– Va bene, va bene, dovevo collezionare le monete per prendere il lanciafiamme… uffa.
– Ecco, tesoro, amore, proprio di quello ti volevo parlare.
– Cosa?
– Il tuo giochino.
– Quale?
– Quello che stavi giocando.
– Dici questo?
– POSALO… Non era un invito a riprenderlo.
– Uffa ma che c’è?!?!
– Te lo dico subito. Quel gioco lo cancelliamo. Non è un gioco adatto a bambini della tua età. Mi spiace non averti bloccato lo scaricamento delle app prima, è colpa mia, ma ho visto come funziona e non va bene per niente.
– Ma perchéééééééééééééééééééé…?!?
– Ho appena detto “non è un gioco adatto a bambini della tua età”.
– Ma perchééééééééééééé… Ce l’ha anche Isabellaaaaaaaahhhhhh…!!!
– Guarda amore, il fatto che ce l’abbia Isabella a me non interessa, Isabella può fare quel che vuole e se la vede con i suoi, tu no.
– AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
– Tesoro…
– AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
– Amore…
– AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
– LA PIANTI DI URLARE, CRISTO!
– …
– Oh. Allora. Lascia che ti spieghi. Si tratta di un gioco in cui fai punti torturando un personaggio.
– Ma è un PUPAZZO VOODOO.
– Non importa. Tu lo martelli, lo affetti, lo schiacci…
– Ma certo! Poi se mi facevi prendere le monete, lo bruciavo col lanciafiamme! Poi gli posso lanciare contro le api che lo pungono, i piraña che lo spolpano… è FIGHISSIMO. Guarda ti faccio ved…
– POSA. IL. CELLULARE.
– Ma non è giusto!
– Ora ti spiego cosa è giusto. Giusto è giocare a Super Mario o a qualunque altro videogame tu voglia giocare dove ci sono delle liete missioni da compiere, personaggini malvagi che ti tolgono i punti vita e che tu elimini con un grazioso saltello o con una palla di fuoco ben calibrata e che prevedano un congruo equilibrio tra azioni e reazioni. Non giusto è torturare un personaggio sullo schermo finché non muore e collezionare più o meno monete a seconda di quanto è durata la sua agonia, monete che ti servono per comprare altre armi per torturarlo in una continua spirale di violenza e sadismo, ma cosa sei, il PD?
– Ma papà… a me piace!
– Ma giustappunto, cosa sei, un mostro? Ho forse io generato un mostro che brama uccidere personaggi indifesi? Non ti ho forse io abbeverato alla fonte di Legend of Zelda? Basta, quel gioco va cancellato.
– Ma no papà, ascolta…
– No, ascolta tu: io non avrei problemi a farti giocare con giochi più “per grandi”, a patto che la violenza sia giustificata da un’oggettiva situazione di pericolo. Mi spiego. Immagina di giocare a un videogame dove esplori delle grotte in penombra, e dietro ogni angolo potrebbe essere appostato un alieno con un fucile al plasma pronto a farti saltare la testa. In questo caso io sarei lì, dietro di te a urlarti “UCCIDIQUELBASTARDOALIENO” con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno. Ma così non è etico. Non hai nessun antagonista, solo mutilazioni e soldi, violenza e soldi.
– Adesso posso parlare?
– Sì.
– Sai quando c’è qualcuno che ti fa arrabbiare, no?
– ECCOME, SE LO SO.
– Ecco, a me tanti bambini e tanti grandi mi fanno arrabbiare, tutti i giorni. Ma io mica li accoltello, o li picchio, o faccio queste cose nella vita vera.
– Mmmmmsì…? Dove vuoi arrivare?
– Questo gioco mi serve! Scarica la mia aggressività (ve lo giuro, ha detto proprio così, ndr). Mi fanno arrabbiare, vengo a casa, maltratto un po’ il pupazzetto voodoo e mi rilasso.
– …
– Non me lo cancellare, ti prego, ho tantissime armi, le uso solo nel gioco, per far andare via la rabbia… non vuoi che io sia sempre arrabbiato come te, no?
– …
– Anzi, forse dovresti giocarci anche tu!!!
– Vabbè, per ora va bene così, basta che ne parliamo. Comunque per sfogare la mia rabbia ci va qualcosa di un tantino più elaborato di un pupazzo voodoo.

PS: il richiamo a Chucky, la bambola assassina di Child’s Play, è essenzialmente messo lì ad arte perché la Creatura, quando vede un bambino dall’aria un po’ imbronciata (o meglio, diciamo, un bambino che non vuole giocare con lui) lo definisce “Chucky la bambola assassina”. Giuro che non gli ho mai fatto vedere il film, deve aver visto una foto da qualche parte su un mio libro. Tutto ciò ha dell’inquietante. Signora mia, le sfide dei genitori di oggi…

DO THE MONSTER MASH

Interno sera, CasaIzzo.
Abbiamo appena terminato la cena (pasta con tonno acciughe e capperi, due broccoli lessati con olio e scaglie di grana, una banana) e stiamo giocando in camera della Creatura. Tutto il pasto – nel più puro stile genitore anni ’70 – si è svolto all’impronta del “non sprecare il cibo, ringrazia che ce l’hai nel piatto che una larga maggioranza di persone nel mondo questa fortuna non ce l’ha”.
Ovviamente vengo ignorato con gaiezza.

Come è tipico della Creatura, passiamo da un gioco di Lego a un gioco di palline rimbalzine a un gioco di coloriamo negli spazi del disegno a un gioco di brutalizziamo i peluche nello spazio di soli 10 minuti.
Poi si calma e mi chiede di leggergli un libro. Ovviamente la stramaledetta enciclopedia degli animali, volume mammiferi, piena di boxini informativi tipo “Lo sapevi che il petauro può planare anche per 50 metri” o “Lo sapevi che le scimmie come l’uomo hanno il pollice opponibile”. Parte spiegazione di mezz’ora su cosa sia il pollice opponibile e quale significato abbia avuto nella teoria evoluzionistica (“Tu e uno scimpanzè potete tenere un hot dog in mano e mangiarlo, gli altri animali no”).

Di colpo si drizza sul letto, come fanno i gatti quando “sentono” qualcosa. Si alza, si avvicina alla porta della sua cameretta.
– Papà…
– Eh. Mi hai interrotto sul più bello, adesso arrivava la parte sui roditori giganti dell’Amazzonia…
– Per favore, devi tapparti le orecchie.
– Perché? Devi farmi il rumore più fastidioso del mondo? (Abbiamo visto insieme un pezzetto di “Scemo e più scemo”, immaginavo volesse prodursi in una imitazione di Jim Carrey)
– No papà, devo dire una parolaccia molto brutta.
– E che sarà mai, dilla, anche se la sento, poi valutiamo insieme quanto è brutta.
– No papà, devi tapparti le orecchie.
– Scusa ma non ho capito, ti scappa una parolaccia, tipo uno starnuto?
– Non è che mi scappa, devo scacciare i mostri.
– Guarda che ci sono io, i mostri non si avvicinano, faccio troppa paura.
– No papà, i mostri sono lì, oltre la porta.
– Inquietante.
– Tappati bene le orecchie.
– Vaaaaaaa bene… (ovviamente non me le tappo)
– …… (borbottio indistinto)
– Hm, quindi? Non mi sembra che hai detto niente.
– No papà, ho visto che non te le sei tappate bene bene. Ti devi mettere le dita nelle orecchie perché io devo dire questa parolaccia bruttissima per farli andar via!
– D’accordo, guarda, dita nelle orecchie.
In un lampo, la Creatura si precipita alla porta, la sbatte rumorosamente urlando nel contempo a pieni polmoni –
– CAZZOCULO MOSTRI ANDATE VIA!!!!!
Segue breve silenzio imbarazzato. La Creatura abbassa lo sguardo, cosa che in linea di massima non fa mai.
– Cazzoculo, eh? E funziona?
– Non lo so, mi sembra di sì.
– Però lo sai che non devi dire queste cose in giro.
– No papà, io lo dico solo ai mostri.
– E siamo sicuri che i mostri sono solo qui fuori dalla tua cameretta, giusto? Non è che per caso ci sono i mostri a scuola, a casa dei nonni…
– Ahahahahah no… ma che dici? (Il tono è tipo “Ti ho fatto studiare mostrologia per cinque anni e tu mi deludi così? Non hai imparato veramente nulla”).
– No, sai… per sicurezza.

Il resto della routine serale si svolge con tranquillità – del resto, i mostri sono stati definitivamente scacciati, almeno per questa sera. Io intanto rifletto tra me e me su quanti cazzoculo potrei o dovrei dire nei prossimi giorni, e a chi. Perché i bambini sembrano degli sprovveduti, ma in realtà ti insegnano più di quanto tu possa insegnare a loro.

MR. GAS MAN

Un sabato qualunque, un sabato in CasaIzzo. Arriva come concordato l’operatore Italgas per sostituire il nostro vecchio contatore (vedi foto).
Armeggia circa mezz’ora nella parte di cucina che abbiamo liberato per l’occasione, chino sul vecchio arnese nel tipico outfit degli operatori tecnici (jeans vita bassissima e 3/4 di chiappe esposte, per la gioia della Creatura che ridacchia e sussurra “Chiappe! Chiappe!”).
Dopo un po’, senza dire nulla, fa una telefonata.

– Pronto, ciao. Ho trovato una perdita, che faccio?… Ma avvisi tu la centrale per il pronto intervento? Ah, ecco. No, sì, io la chiudo qui. Eh, il modello A45X, certo.
Io e la Titti lo guardiamo basiti.
– Scusi ma c’è una perdita di gas?
– Sì.
Laconico. Bene. Mi piace laconico.
– E quindi?
– E quindi niente, non possiamo cambiare il contatore se c’è una perdita. Ha un panno umido?
– Non poss… cosa?
– Un panno umido. Serve per avvolgerlo in cima al bocchettone, dove c’è la perdita.
– Ok, scusi, ma io non sento odore di…
– I rilevatori non mentono. Panno?
– Ecco.
– Allora senta, le dò il numero del pronto intervento. Lei chiama subito e gli dice che l’operatore Torino564 ha individuato una perdita.
– Ma non ha già segnalato lei?
– No guardi, deve essere il titolare del contratto a chiamare. Con un po’ di fortuna il contatore glielo cambiano poi loro.
– In che senso con un po’ di fortuna?
– Eh, nel senso che non si sa mai.
– Capisco.

Chiamo il numero del pronto intervento, che nei 12 minuti di attesa non fa che ripetere severissimi moniti del tipo che se la tua non è un’emergenza comprovata dovresti riagganciare perché fai perdere priorità a casi potenzialmente gravissimi. Io non sento odore di gas quindi comincio già a sentirmi in colpa. Dopo un po’ rispondono, da territorio italiano. Evidentemente da Roma.

– Operatore 140978 qual’è il probblema?
– Devo denunciare una perdita di gas in casa.
Seguono i dati del contratto.
– Nome del titolare?
– Izzo.
– Pizzo?
– Izzo con la “i”.
– Ah, Rizzo.
– No guardi, Izzo come Simona Izzo.
– Non ho capito bbene, scusi.
– La moglie di Venditti… Grazie Roma…
– Ah, ma certo, Izzo! Allora mi ascolti molto bbene (si fa serissimo).
– Dica.
– Apra tutte le finestre, ha capito bbene? Apra tutto. E non deve fuma’.
– Ma io non fumo…
– Si assicuri che nessuno fumi in cucina. E non usi apparecchi elettrici o elettronici in cucina.
– Mi scusi ma le sto telefonando dalla cucina…
– Si allontani immediatamente, appena possibbile le mando il tecnico, buona fortuna.

Non ho avuto il coraggio di dirgli che io l’odore di gas non lo sentivo. Ma va bene così. Mi preparo ad una interessante mattinata.

Dopo una ventina di minuti arriva il tecnico. Ha qualche decennio in più sulle spalle rispetto all’operatore Torino564, infatti si presenta col nome (“Saverio”, nome cambiato per proteggere i protagonisti della storia) e ha una affascinante somiglianza con il personaggio di Robert De Niro in Brazil di Terry Gilliam. Solo, con una trentina di kg in più.
Ovviamente, i suoi pantaloni sono ancora più laschi e le chiappe ancora più esposte.

– Ma po*co*io, che misurazioni fanno… (la bestemmia è connaturata nei tecnici della generazione di Saverio)
– In che senso scusi?
– Ma queste microperdite sono normali le hanno tutti, questi nuovi (tecnici, ndr) hanno le apparecchiature tarate sulla scoreggia di un moscerino, io non la rilevo nemmeno la perdita.
– Ah, ecco, allora non sono io che ho il naso spanato.
– No, no. Senta, però dovrò spaccarle un pochino il muro.
– Non importa Saverio, lei faccia quello che deve fare, io sto qui dietro e descrivo tutto in un post per passare il tempo e far sorridere i miei 25 lettori.

Saverio scende nel suo furgone, prende l’attrezzatura, risale e brandendo uno strumento che ai miei occhi sembra un lanciafiamme pronuncia un perfetto one-liner da action hero
– Chiuda la porta della cucina, che adesso spariamo un po’ di gas sul serio.

Saverio lavora con strumenti all’avanguardia, come quadrotti di lenzuola strappati, spruzzini di acqua saponata, pezzetti di corda sfilacciata. Spacca le mattonelle in modo geometrico, con sapienza antica. Ogni tanto si sente il rumore di un getto di gas, poi la cucina si riempie di odore.

– Sa quanti camion dell’Italgas ci sono qui sotto stamattina? Tre.
– Tutti per alloggi di questo palazzo?
– E certo. Mandano sti pischelli a fare le rilevazioni ma non hanno la nostra strumentazione (il lanciafiamme, ndr), hanno delle specie di Beghelli tarati male.
– Eh, certo, si vedeva.
– Accenda un attimo i fuochi… direi che va tutto bene.
– Allora, questo contatore nuovo che ha messo…?
– Tutto automatico, ogni mese manda la lettura in sede, lei non si deve più preoccupare di nulla <wink wink>
– Perché mi fa l’occhiolino, scusi?
– No, dico, non si deve preoccupare più di nulla <wink wink>
– Ho capito, ma perché l’occhiolino?
– (Sussurra) Senta, ogni tanto lo attivi e guardi la lettura comunque, perché queste diavolerie elettroniche… insomma, faccia un controllo comunque.
– Ma perché parla a bassa voce? Mica abbiamo le microspie in casa!
– Non si sa mai, non si sa mai…

Saverio esce con uno sguardo strano negli occhi. Probabile anche per via di tutto il gas che ha inalato. Si raccomanda di lasciare tutto spalancato in cucina per un paio di giorni, che la puzza è difficile da far andare via.
Ora non mi resta che mettermi uno straccio bagnato su naso e bocca, rimettere a posto tutti i carrelli e i cesti che abbiamo spostato, e il sabato può andare ad incominciare.