DEL MEGLIO DEL NOSTRO MEGLIO

DEL MEGLIO DEL NOSTRO MEGLIOEd eccoci come ogni anno al momento delle superclassifiche, che non hanno alcuna utilità se non 1) placare l’ossessione per le liste che da 40 anni mi accompagna (e che se ci hanno scritto anche un libro vuol dire che è abbastanza comune al maschio medio) e 2) ispirare voialtri lettori alla disperata ricerca di un regalo di natale dell’ultimo minuto da acquistare con il meglio dei miei insindacabili giudizi dell’anno. Un’anno di magra, devo dire, dato che la Creatura non mi permette né troppe uscite al cinema, né – ovviamente – il tempo di leggere chissà che, motivo per cui abbondano i graphic novel in quella categoria (ché si sa, i fumettini son più semplici da leggere e non impegnano). Quest’anno a sorpresa ci mettiamo dentro anche la top ten dei migliori contenuti on line che seguo sui social, sui feed, sullo smartphone, insomma, quelle robe lì che sembrano un po’ rimasugli di cultura e invece se ci fai caso ormai occupano gran parte del nostro tempo libero. E andiamo!

TOP 10 ALBUM
Beck – Morning Phase
Damon Albarn – Everyday Robots
Aphex Twin – Syro
Skrillex – Recess
Black Keys – Turn Blue
Lana Del Rey – Ultraviolence
Todd Terje – It’s Album Time
St. Vincent – St. Vincent
Future – Honest
FKA Twigs – LP1

Riservo un piccolo podio anche per i tre album italiani più interessanti dell’anno: Ghemon – Orchidee,  Subsonica – Una nave in una forestaBrunori SAS – Il cammino di Santiago in taxi.

TOP 10 FILM

Grand Budapest Hotel
Only Lovers Left Alive
Boyhood
Nymphomaniac 1 e 2
Snowpiercer
Mud
Locke
The Lego Movie
Under The Skin
Guardians of the Galaxy

Come ogni anno ecco anche la lista dei film bellissimi che sicuramente non riesco a vedere prima della fine dell’anno ma su cui il mio pre-giudizio è assolutamente favorevole… InterstellarThe BabadookJodorowsky’s DuneBirdman,  Big Hero 6.

Leggi tutto “DEL MEGLIO DEL NOSTRO MEGLIO”

SOCIAL MEDIA WEEP

In questi giorni a Torino c’è la Social Media Week. Un’occasione unica per riflettere sui mezzi partecipativi di comunicazione on line e sul loro utilizzo potenziale nelle imprese, nella scuola, nella Pubblica Amministrazione. Io lavoro a un tiro di schioppo ma non mi è consentito assentarmi dall’ufficio per seguire i panel (nonostante, tra parentesi, in ufficio ci sia in ballo un grosso progetto “social” che avrebbe tutto a che fare con la SMW). Poco male, perlomeno posso collegarmi in streaming.

Il punto è che ormai, a parte dare i numeri, non c’è nulla di nuovo da dire sui social media, fanno parte della vita come le macchinette del caffè o le caraffe che depurano l’acqua. Voglio dire, sono immersi nel quotidiano e percepiti come una situazione interattiva (o di espressione personale) assolutamente naturale. Vero è che molte delle persone / imprenditori / funzionari / insegnanti che li usano avrebbero bisogno di un po’ di alfabetizzazione in più.

Ma anche i professionisti della rete più scafati (come il sottoscritto, hahaha) a volte si trovano in un pantano senza speranza. Tutto questo parlare di social media negli ultimi giorni mi ha fatto pensare. Da quanto tempo sono immerso in questo mondo cosiddetto 2.0, read-write, partecipativo? Mmm… più o meno dal 2003, quindi 9 anni. A quando risale la mia prima iscrizione a un social media? ClaimID mi aiuta a ragionare: l’anno è il 2005, il servizio è Flickr, seguito a ruota da LinkedIn.

Se penso che in 7 anni ho provato tra i 25 e i 30 social media, mi viene immediatamente il terrore del detrito. Se poi sul lavoro si predica bene (policy di utilizzo dei social media, analisi della web reputation) e nella rete si razzola male, il livello di disagio si alza ulteriormente. Oggi quindi ho pensato di togliere un po’ di polvere e scatoloni vuoti dalla mia casa virtuale. Vi ricordate di Pownce, Jaiku, Ning, Orkut, Songza, Dipity, solo per fare qualche nome? Ecco, se li avete dimenticati forse è anche meglio. Io c’ero, e vi assicuro che non è facile spazzar via i detriti sotto un tappeto.

E se adesso sono comunque iscritto ad almeno 20 social media, quelli che uso quotidianamente si contano sulle dita di una mano. Senza contare che da più di un anno non lascio – per un motivo o per l’altro – quasi nessuno spazio alla riflessione che può consentire un post un po’ più lungo su un blog. Ma blog è una parola obsoleta, se la dici oggi ti guardano anche un po’ male. A dire blog ti senti vecchio, e forse è così. D’altra parte ormai sono circa 3 anni che non mi iscrivo a nulla. Ho smesso prima di Foursquare. Ho dribblato con classe Pinterest. Ho accolto Instagram perché è la più grande idea fotografica dopo l’autofocus.

Ma per il resto, sono a posto così, non mi lamento.
La mia reputazione è sempre stata ambigua, anche offline, e mi è sempre stato bene così.
Anche se per me, questa Social Media Week sta diventando più che altro Weep.

 

 

PROVANDO E RIPROVANDO

Non è facile entrare in casa di Pietro. Dobbiamo suonare il campanello più volte perché qualcuno risponda, e anche quando sentiamo un “chi è?” al di là della porta blindata, abbiamo la sensazione che il proprietario guardi a lungo dallo spioncino prima di aprire. Uno spiraglio soltanto: la catenella e un occhio del blogger più rarefatto del nord-ovest è tutto quello che vediamo. “Lui non può entrare”, mi dice, guardando con sospetto il fotografo. Poi apre la porta e mi fa accomodare in una stanza in penombra. L’unica fonte di luce è lo schermo del suo iMac. Mi siedo su una poltrona libera e mi guardo intorno. Libri e DVD fino al soffitto, la stanza ha tutta l’aria di essere stata rassettata per l’occasione. Ma la sensazione che trasmette è comunque quella di una grotta di carta, vinile e supporti ottici. Pietro indossa un pigiama di seta dal taglio morbido: sembra a suo agio nonostante la fama di eremita moderno. Il mio accenno a un suo recente dimagrimento non lo mette di buonumore come avevo sperato, quindi comincio subito con l’intervista.

Sappiamo che sei molto impegnato, ma… non scrivi da mesi. Vediamo qualche messaggio di stato su Facebook, e poco altro… Hai deciso per il silenzio mediatico?

Hmmm… Ti sembrerà strano ma la domanda mi coglie di sorpresa! Dai, in fondo ho scritto un post un mese fa. D’accordo, un mese e mezzo fa. Ma sai, il blog è morto. No, non il mio. Voglio dire… I blog sono morti come concetto. E poi, va detto: per scrivere qualcosa che vada oltre i 140 caratteri ci vuole troppa concentrazione. Lo sai, dicono che il web ci fa diventare più stupidi, perché ci abitua a saltare da un concetto all’altro con troppa facilità. Prendi la mia mente, per esempio. Si espande smisuratamente sul piano orizzontale, ma su quello verticale, ormai… ha la profondità di una pozzanghera. Sì, è vero, Facebook mi diverte. Forse perché tutta la socialità che c’era nei blog adesso è finita lì. Per un periodo c’è stato anche Friendfeed, ma mi ha stancato. Troppo realtime, non riuscivo a gestirlo. E poi sai cos’è? L’iPhone è un altro killer di concentrazione. Ogni tanto sei lì che non sai cosa fare, potresti magari scrivere qualcosa, ti capita in mano lui, cominci a carezzarlo, apri Instagram, o qualche altra applicazione ugualmente geniale… il tempo passa e non te ne accorgi. Davvero, l’iPhone è l’equivalente contemporaneo della masturbazione. Fa anche diventare ciechi, probabilmente.

Quindi, fammi capire. Vorresti scrivere, ma l’evoluzione della tecnologia e della socialità on line te lo impediscono? O non sarà che hai esaurito la vena creativa?

No, scusa… Fammi capire tu. Cosa intendi per vena creativa? Ti sembra creativo avere un blog? All’inizio era solo un modo di raccontare i banali fatti della vita in una luce un po’ ironica. Magari mi capitava qualcosa di paradossale, e io lo colorivo un po’. Adesso, sinceramente, il massimo del paradossale che mi capita è una bolletta in più da pagare. Vuoi che ti dica che ho una vita noiosa? Ho una vita noiosa. Vado a lavorare, e nel tempo libero mi ritrovo a pensare solo a bilanci, entrate e uscite, conti in rosso, e roba di questo tipo. Sai che bel blog verrebbe fuori. Potrei pubblicare il mio estratto conto. E poi lo so, son cose con cui tutti possono avere a che fare. La vendita di una casa, un trasloco, una ristrutturazione, un genitore anziano da controllare… Non è che mi lamento, ma insomma: non è proprio una vita che stimola la creatività. Bisogna aiutarla ad uscir fuori, la creatività. Guardati intorno: per scrivere bene, per realizzare belle immagini, devi leggere molto, vedere molto. Tutto quello che vedi qui è passato attraverso me, lasciando qualcosa. Diciamo che adesso è un periodo che non riesco nemmeno a leggere, o a guardare qualcosa di più lungo di una puntata di una serie televisiva.

Quindi è vero quello che dicono, che passi il tempo a leggere fumetti e a guardare serie TV.

Beh, sì. Non ho più la fermezza di dedicarmi a Bergman e Tolstoj. Il tempo da dedicare a queste attività è un po’ ridotto. Giusto due o tre ore dopo le 22, quando il resto del mondo dorme e non bussa alla mia porta. Ma non mi posso lamentare, in fondo la mia vita me la sono scelta, e anche se appaio come uno scorbutico sono abbastanza in pace con me stesso. E poi lo dico da anni: la serialità televisiva è diventata in moltissimi casi decisamente più interessante della finta serialità cinematografica. E, a parte rari casi, richiede meno concentrazione.

Se l’equivalenza funzionasse, dato il tuo livello di concentrazione non sarebbe il momento di un romanzo ma forse di un racconto, o più racconti. Hai un racconto nel cassetto, per esempio?

Perché, c’è qualcuno che non ce l’ha? Sì, ne ho uno nel cassetto (che brutta espressione, ce l’ho su Google Docs) da… Vediamo… Da quando è nato Google Docs, probabilmente. Ne scrivo un paragrafo ogni 4 o 5 mesi. Sai, certe cose vanno ponderate bene. Di tutte le espressioni “artistiche” che ho dato al mondo, da solo o in collaborazione con altri, si è sempre detto che “era l’hashish a parlare”. Ecco, in questo caso non è così. Forse è per questo che vado a rilento. Fumare in genere dà la stura ai pensieri, solo che poi si accavallano e la gente non capisce bene cosa vuoi dire. Su questo ho tentato di scrivere anche un soggetto. Non è mai approdato a sceneggiatura, ma potrei espanderlo in un romanzo breve, un testo teatrale, chissà. Che poi, alla fine non voglio prendere in giro nessuno. Non ne ho la fermezza. Ho block notes veri e virtuali pieni di annotazioni con idee che sul momento mi sembrano geniali, ma che poi non realizzo. Avrei bisogno di un segretario factotum sempre con me che le realizzi per conto mio.

Insomma, si può dire che sei più inconcludente, più indeciso o più genio incompreso? Hai capito cosa vuoi fare da grande?

Guarda, io ho provato a fare tante cose, forse troppe. Ho fatto il designer, il coordinatore, il fotografo, lo sceneggiatore, l’insegnante, l’archivista, il correttore di bozze, il funzionario statale, il comunicatore, il grafico, il giornalista, il critico, il venditore porta a porta, il copywriter, l’archeologo, il produttore. Tutto per qualche tempo, e tutto senza specializzarmi troppo. Io ho paura della specializzazione. Voglio essere un bravo dilettante. Eppure arrivato ai 40 anni sono ancora qui a chiedermi, fra tutte queste cose, qual è quella che “voglio fare da grande”. Solo ieri sfogliavo una rivista di cucina e pensavo “voglio essere un fotografo per riviste di cucina”. Sai quelli che fotografano i piatti appena cucinati? Io sono molto bravo in quello. Ma è una boutade, come quando da piccolo dici che vuoi fare l’astronauta. Io tra l’altro non l’ho mai detto. Da piccolo volevo fare il papa. Oggi, cosa vuoi che ti dica… Probabilmente voglio essere uno che osserva. Sperimenta e osserva i risultati. Voglio essere uno che prova a vivere, che ci prova in molti modi diversi. Secondo me è l’unico modo per non annoiarsi.

Uno che prova a vivere. Le parole mi risuonano ancora mentre scendo le scale del condominio di Pietro. Sarà che “provare a vivere” porta con sé un sapore un po’ amaro, come di sconfitta già insita nel tentativo, sarà che al contrario potrebbe nascondere un messaggio veramente positivo, quello di non farsi abbattere mai, il “provando e riprovando” galileiano.
Ritorno sui miei passi, schiaccio di nuovo il pulsante del citofono, ma non risponde nessuno.
Mentre mi allontano lancio un ultimo sguardo alla finestra di Pietro. Per un attimo mi sembra di cogliere un sorriso attraverso le tende scostate, ma forse è solo un’impressione.